22/10/2010

Programa del Concert de Nadal al Palau de la Música de Barcelona

Molti di noi hanno ben in mente la data de 21 Dicembre, quella in cui si terrà il tradizionale concerto di Natale di Josep Carreras presso il Palau de la Música Catalana (patrimonio dell'umanità) di Barcellona.

Per chi non l'avesse ancora fatto consiglio caldamente di comprare un biglietto per non perdersi un'emozione così straordinaria.
Chi ha assistito l'anno scorso ricorderà ancora con commozione l'intreccio vocale di Josep e Dame Kiri Te Kanawa. Quest'anno chi aiuterà Josep a ricreare la magia del Natale sarà Sabina Puértolas, soprano che ha cantato al suo fianco anche nel concerto al Teatro Alla Scala, due settimane fa.

Josep Carreras, Sabina Puértolas e David Giménez che guiderà la sua Orquestra Simfònica del Vallès, sarano i grandi protagonisti di una serata di attesa per il Natale.
Degna di nota e di un certo rammarico è l'assenza dell'Orfeó Català.

Il sito del Palau ha pubblicato anche il programma che vi riporteò qui di seguito, anticipandovi che sarà un incrocio tra un concerto normale ed uno natalizio.

Mediterranean Passion dissolved the ice in Minsk

Proprio così, era necessaria la Passone Mediterranea cantata di Josep Carreras per sciogliere i ghiacci di Minsk, per riscaldare i cuori con le melodie d'amore. Josep Carreras si è esbito a Minsk lo scorso sabato 16 presso l'Arena di Minsk, un luogo adatto per ospitare una gran quantità di persone, e il maxi-schermo per agevolare la visione un pubblico vasto e pronto per lasciarsi conquistare dal canto squisitamente appassionato del tenore catalano, esibitosi assieme al soprano Ofelia Sala e al direttore David Giménez, alla guida dell'Orchestra Presidenziale della Bielorussia.

navokal.com (photos)
ont.by  (video)
navny.by (video)


Il canto ha ricreato un'atmosfera profondamente mediterranea: Carreras, con quella voce così appassionata e virile, Ofelia Sala con quel registro acuto pronto a sfidare il soffitto, e il giovane direttore hanno i tre artisti a improvvisare una sequenza di ben cinque encores, tra cui il famigerato Brindisi della Traviata. Il pubblico ha risposto con scrosci di applausi e "Bravo" a ripetizione.

16/10/2010

New Banner for autumn season! Yesterday his arrival in Minsk

Come di consueto, dopo ben tre mesi in cui il banner estivo dedicato alla promozione delle meraviglie catalane e del turismo in Catalogna con lo slogan Sóc fan de Catalunya, è arrivato il turno d un nuovo banner per la stagione autunnale.


Non nascondo che sia stato difficile ispirarsi a qualcosa di nuovo, ma all fine, con fatica, abbiamo costruito una logica narrativa. Lo sfondo coniuga la stagione autunnale con un grande, memorabile ritorno presso il Teatro Alla Scala di Milano, mentre le tre immagini sembrano seguire la disposizione del blog stesso: a sinistra le attività della Fundació Josep Carreras contra la leucemia,  a destra quelle professionali di tenore, e nel mezzo la fusione di queste due parti, un Carreras "the man and the artist" celebrato nella parte centrale del blog attraverso tutti i post che via via vengono pubblicati.

Spero che sia di vostro gradimento!!

Nel frattempo ne approfitto per aggiornarvi sull'arrivo di ieri a Minsk di Josep Carreras, molto felice di esibirsi per la prima volta in Bielorussia.

ont.by 

Una settimana molto fitta di impegni per il tenore che, una volta lasciata l'Italia si è esibito a Kiev, in Uzbekistan presso l'Uzbekistan Palace of international forums di Tashkent, in occasione del "Art Week Style.uz 2010".

14/10/2010

Kiev: press conference and concert review

Vi confesso che mentalmente io non sono ancora tornata da Milano, mentre Josep Carreras ha già cantato un altro concerto a Kiev ieri sera, affiancato dal soprano Ofelia Sala e da David Giménez, che già lo aveva accompagnato nel trionfo scaligero.

Già in suolo ucraino lunedì sera, il tenore ha partecipato alla conferenza stampa assieme al soprano, e ci sono diversi articoli che ne riassumono i contenuti.

podrobnosti.ua (another VIDEO)


Degni di nota sono il ricordo di Luciano Pavarotti, che porprio martedì 12 avrebbe compiuto 75 anni, il suo rapporto con la cucina: non tutti forse lo sapranno, ma il nostro tenore è anche autore di un libro di cucina, che accosta ad ogni opera alcune pietanze specifiche. Un ottimo modo per rilasciare la tensione e combattere lo stress, nonostante ogni volta l'avventura di Carreras ai fornelli , a detta sua si rivela disastrosa.

L'aspetto culinario è presente anche nella disciplina tanto osservata dal tenore, necessaria per gli artisti: racconta che in occasione di concerti ricorre a cibi leggeri, come pasta in bianco, pollo, riso, e bevande leggere non fredde.

Josep Carreras, artista straordinario, valoroso guerriero contro la leucemia, Presidente della sua Fondazione, sostenitore della ricerca, ambasciatore della speranza, ma anche... padre di due figli e nonno di quattro nipoti: due femmine, Maria e Júlia, figlie di Albert, e Miquel e Adrià, figli di Júlia. Di età che spazia dai 5 anni (Maria) ai 7 mesi (Adrià), sono per il loro nonno la più grande gioia.

12/10/2010

La Scala torna a vibrare d'applausi per Josep Carreras

La notte del 10 Ottobre 2010, quel 10.10.10 così perfetto, porta l’autografo indelebile di Josep Carreras che, dopo 14 anni, è tornato ad esibirsi al Teatro Alla Scala, dove ha collezionato una moltitudine di trionfi, e proprio l’altra sera ne ha aggiunto un altro, uno cui fino all’ultimo, non avevo la minima idea di poter assistere.

Da mesi, infatti, era stato annunciato questo concerto speciale, organizzato dall’ESMO, European Society for Medical Oncology, il cui congresso annuale è stato ospitato proprio a Milano, e che si è concluso con questo evento molto speciale che ne ha riunito i partecipanti nella sala del tempio del belcanto per eccellenza e che ha visto Carreras come grande artista, come testimonianza della sua battaglia contro la leucemia, e come simbolo di sostegno alla scienza.

Josep Carreras, affiancato dal soprano Sabina Puértolas, la Sinfonica della Scala diretta dal Maestro David Giménez, ha proposto un programma estremamente originale, che portava alte le bandiere di Spagna e Catalogna, con un accenno di tricolore italiano alla fine.

Si respirava un’atmosfera speciale fuori dall’ingresso laterale, e la presenza di molti dei suoi familiari incrementava questa forte sensazione: era un evento sentito per noi, i fan, che sapevamo cosa poteva significare per lui tornare alla Scala, un teatro cui lui ha dato tanto e da cui ha ricevuto a sua volta. Eravamo quasi tesi noi! Ed è bello quando il fan diventa così empatico con l’artista, quando l’umanità del fan e quella dell’artista sono fianco a fianco, il tutto sempre con il massimo rispetto e la consapevolezza dei limiti per non sforare nell’invadenza.

08/10/2010

A Concert for the Masses in Ljubljana

Questo post avrebbe dovuto riguardare l'intervista che Josep Carreras ha rilasciato nei giorni scorsi, in vista del concerto che ha offerto alla Stožice Arena di Lubiana (Ljubljana) proprio ieri sera, ma nel momento in cui ho aperto il link dell'articolo per riprenderne i punti salienti con un commento, mi sono accorta della disponibilità di una recensione proprio del concerto, del concerto "per le grandi masse" che ha visto il nostro tenore affiancato dal soprano irlandese Celine Byrne e dal Maestro David Giménez che ha guidato la Symphony Orchestra.

rtvslo.si (article and photos)

Un grande evento che ha visto l'affluenza di un pubblico estremamente variegato, e che forse per molti ha rappresentato un primo approccio a questo genere musicale, e quindi il conseguimento dell'obiettivo che si era proposto Josep Carreras, quando assieme a Plácido Domingo e a Luciano Pavarotti aveva spalancato le porte del mondo dell'opera a un pubblico più vasto.