27/02/2012

Fa 24 anys Josep tornava a casa després de lluitar contra la leucèmia: el record d'en Miquel Pérez (Comenta'ns el teu record)

“Aquell 21 de Juliol”
El record d’en Miquel Pérez


Miquel Pérez è un amico molto ammirato, un profondo conoscitore dell'opera e dei suoi interpreti, nonché autore di una preziosa biografia del tenore Hipólito Lázaro. Ricordo ancora l'occasione in cui l'ho conosciuto, quando Teresa, responsabile del Blog Villazonista, ci ha presentati al Palau de la Música Catalana, durante l'intervallo di un concerto di Natale di Josep. Essendo consapevole della sua predilezione per le voci che sanno comunicare, non potevo non chiedergli un contributo: naturalmente non ha deluso le mie aspetattive. Il suo ricordo occupa una posizione privilegiata nel libro "Ritorna Vincitor", in quanto ne conclude la parte ufficiale. Oggi, 24 anni dopo il miracoloso ritorno a casa di Josep, ve lo voglio proporre. Moltes gràcies Miquel!

“Dicen que en la distancia está el olvido” … diu una popular cançó i la veritat és que, tot i ser la regla, l’excepció confirma que no sempre es cumpleix, especialment en aquells fets que van suposar en un mateix una càrrega emocional important. És el meu cas amb tots aquells fets que es van produir un any abans del dia 21 de Juliol de 1988.
Aquell dia una persona, un tenor, un català, es retrobava amb la seva ciutat i trencava un any de malsons.
Recordo molt bé el sentir de tots els afeccionats del món de l’òpera que en aquells meravellosos anys compartiem hores i emocions al Gran Teatre del Liceu.

Remembering what happened 24 years ago today: "Comenta'ns el teu record" ja s'ha convertit en el llibre "Ritorna Vincitor"

Non so se vi ricordate della rubrica che avevo aperto circa un anno fa. Tutto ebbe inizio dal 27 di Febbraio dell'anno scorso, quando scrissi in un post che ricorrevano 23 anni dal giorno in cui Josep Carreras fece ritorno a casa in via di guarigione dopo la tremenda esperienza della leucemia. 
Se non ricordate e volete rileggerlo, andate pure qui. In seguito mi è venuta l'idea di "Comenta'ns el teu record": avevo proposto a chi aveva vissuto in modo particolare quei momenti in cui Josep lottava per la propria vita, e quello del suo ritorno, di condividere il suo ricordo. E, sempre se volete, lo potete rileggere qui. Volevo qualcosa che andasse al di là dell'articolo di giornale, qualcosa di personale.

Inizialmente ho pubblicato i vostri testi qui, come una rubrica interna al blog, ma poi ho pensato di ampliare il progetto in qualcosa di più tangibile. Chi ha aderito lo sa già, ma ora che il progetto ha da tempo trovato il suo compimento posso dirlo pubblicamente: tutti i ricordi che mi sono stati mandati sono stati raccolti in un libro intitolato Ritorna Vincitor che è stato consegnato a Josep Carreras nel mese di dicembre. 
Ne approfitto ancora una volta per ringraziarvi tutti di cuore per aver aderito con tanto entusiasmo a questa iniziativa, e per avermi consentito di curarla nel dettaglio per mesi fino al momento, tanto auspicato, della consegna a Josep. Ringrazio anche Daniele per aver contribuito alla realizzazione per quanto riguarda il design.

Oggi, a un anno di distanza, mi ritrovo ancora qui a pensare a quel giorno di, ormai, 24 anni fa. E ora, con tutti i vostri ricordi e per le emozioni che ne sono derivate ho quasi la sensazione di aver vissuto anche io questa circostanza. Ora, grazie a tutti voi, ricordo con commozione.
In questa ricorrenza così speciale, per la quale non ci sono applausi, e non ci sono parole, mi unisco a tutti voi, e a Josep, nel ricordo, e ringrazio il Signore, ancora una volta che quel gran ritorno ci sia stato.

26/02/2012

"Il Video sella Settimana": Josep Carreras sings a duet from Lucia di Lammermoor, "Sulla tomba che rinserra... Ah! Verranno a te sull'aure", with Katia Ricciarelli

Eccoci di nuovo con il Video della Settimana.

Nei giorni scorsi mi sono ritrovata a riflettere sulla particolare intesa scenica tra Josep Carreras e la collega italiana, Katia Ricciarelli, intesa che, nonostante la tirannia del tempo, più marcata in certi casi che in altri, hanno ritrovato durante l'interpretazione in duetto di A Vucchella, sabato scorso. 

Ammetto però che a guidarmi nella scelta c'è stato un fatto esterno a questi due cantanti: più che un fatto, un terzo grande cantante. Il mio amico Simon Orfila, dopo aver trionfato, debuttando come Escamillo a Bogotá, ha fatto ritorno pochi giorni fa (rima non voluta) in Spagna, nello specifico a Siviglia, al Teatro della Maestranza, dove sta provando per l'opera in questione, Lucia di Lammermoor.
Sommando le due cose è nata questa scelta: il duo che conclude la prima parte dell'opera, ovvero "Sulla tomba che rinserra...Ah! Verranno a te sull'aure", risalente al 1982.

In questa performance si deve poter prescindere da opinioni personali, eventuali simpatie o antipatie, e non si può far altro che abbandonarsi all'arte del canto, all'intesa e alla complicità scenica, e a quanto questi due giovani  stelle del belcanto fossero completamente immedesimate nel loro ruolo, così belli da vedere e ascoltare.

Altro da dire? Non credo proprio! Ascoltiamoli!!

video

22/02/2012

Josep Carreras has sung alone "Passione", and "A Vucchella" with Katia Ricciarelli at the Cavalchina Grand Ball

Giorni di attesa in cui sono state pubblicate soprattutto fotografie, per altro molto belle, ma non sufficienti per darci un'idea completa di come si è svolta la serata al Gran Ballo della Cavalchina, tenutosi presso il Teatro La Fenice di Venezia lo scorso sabato. Sappiamo solo che nel corso dell'evento ha avuto luogo la premiazione di diversi artisti, anche internazionali, con il Cavalchina Award 2012, tra cui anche Josep Carreras e Katia Ricciarelli.


Un solo articolo entra più nel dettaglio, confermando quello che già sapevamo e aggiungendo che la consegna dei premi si è svolta sotto la guida di due noti volti RAI. Katia Ricciarelli, con un vistoso abito rosso, ha atteso poi la premiazione di Josep, che con lei avrebbe condiviso la scena nel duetto di una bellissima canzone d'amore napoletana, A Vucchella, mentre il tenore ha eseguito in solitario "Passione".


19/02/2012

"Il Video della Settimana": Josep Carreras canta Una Furtiva Lagrima (Liceu, 1982)

Eccoci nuovamente per una nuova puntata del Video della Settimana

Quest'oggi, una piccola grande sorpresa. Ieri, 18 Febbraio, Josep Carreras ha ricevuto uno dei Cavalchina Awards 2012 presso il Teatro La Fenice di Venezia. Lo scenario cambia, se parliamo invece del 18 Febbraio di 30 anni fa, una data che rimarrà alla storia, molto particolare all'interno della carriera del nostro tenore. Molti ricorderanno questa data, nella quale Josep Carreras ha deliziato con il suo unico Nemorino al Gran Teatre del Liceu. Avete capito bene, l'unico Nemorino che ha cantato al Liceu, e a detta sua, forse la sua migliore performance presso l'Opera di Barcellona.
Il secondo cast previsto per L'Elisir nella stagione 1981/82 si sarebbe esibito solo quella sera: insieme a Josep Carreras ricordiamo Juan Pons, Majorie Vance, Alfred SramekMª Àngels Sarroca. Approfondisce di più e meglio il mio amico Joaquim nel suo preziosissimo blog operistico, In Fernem Land.

Vi voglio proporre questa meraviglia, che è l'esecuzione de Una Furtiva Lagrima. Un'aria che forse inconsapevolmente ci rimanda ad altre voci che ne hanno fatto un vero e proprio cavallo di battaglia, ma con questo unico Nemorino liceista, Josep Carreras ha letteralmente infiammato il suo pubblico, arresosi irrimediabilmente in scrosci di applausi durati vari minuti, in elogi, bravo, e suppliche di bis... un bis che purtroppo non è arrivato.

17/02/2012

Josep Carreras talks about his relationship with dreams in an interview to a german newspaper, Die Zeit

È stata pubblicata l'altro ieri dal quotidiano online tedesco Die Zeit un'intervista molto particolare rivolta al nostro tenore, Josep Carreras.

zeit.de
lavanguardia.com

(*) Key facts: for a summary in english, please go at the end of the post

Già mercoledì aveva avuto un eco particolare, visto che l'articolo era stato ripreso anche da La Vanguardia, in merito a uno dei due argomenti centrali sviluppati: secondo Josep Carreras, infatti, la Catalogna merita una squadra nazionale di calcio, propriamente detta selecció, come la Scozia e il Galles. Purtroppo questa selezione non è ancora stata riconosciuta dalla FIFA, ma Carreras sogna che ciò avvenga al più presto, e sogna anche di cantare l'Inno nazionale catalano in campo, prima dell'inizio della prima partita.
Il Barça è sempre stata "una questione di cuore" per lui, non solo una squadra di calcio, qualcosa di più vicino a una religione, perché simbolo delle proprie radici.
Da ragazzino sognava di diventare un calciatore del FC Barcelona, del resto come potevano fare tutti i suoi coetanei maschi all'epoca, ma riconosce di non aver mai avuto un talento particolare per un'eventuale carriera in questo campo.

16/02/2012

Josep Carreras inaugura l'Auditori de l'Escola Àgora que porta el seu nom a Sant Cugat del Vallès

Questa mattina Josep Carreras ha presenziato all'inaugurazione ufficiale dell'Auditorium che porta il suo nome presso la scuola Àgora di Sant Cugat del Vallès, non lontano da Barcelona

totsantcugat.cat (press and photos)
cugat.cat (video)

(*) Key facts: for a short summary in english, please go at the end of the post

L'inaugurazione dell'Auditorium Josep Carreras, 5.200 metri quadrati e di capacità complessiva di 370 persone, risale a circa un anno e mezzo fa. Carreras non fa mistero della soddisfazione derivante dalla creazione di questo spazio dedicato alla musica cui è stato dato il suo nome, non solo come artista, ma anche come padre di una ex allunna della scuola, sua figlia Júlia.

Insistendo sull'importanza dell'educazione musicale nelle scuole, si è congratulato con la scuola per la propria implicazione sotto quest'aspetto, non mancando di elogiare l'acustica che caratterizza l'auditorium, che per altro conta con la più alta tecnologia, per suono e luci. Secondo lui, la musica deve avere inizio a scuola, e sottolinea come questa possa essere fonte di grandissime soddisfazioni che possono arricchire la persona. Il tenore manifesta, inoltre, il desiderio di potersi esibire nell'auditorium "per una cantatina", un giorno.

13/02/2012

Experimento "Valora la vida": la nueva campaña de sensibilización de la Fundación Josep Carreras contra la leucemia

La Fundación Josep Carreras contra la leucemia lancia oggi, 13 Febbraio, la sua nuova campagna di sensibilizzazione: Experimento 'Valora la vida'.

fcarreras.org/es/ (original en castellano)
fcarreras.org/ca/ (original en català)
fcarreras.org/en/ (original article in english)

"Non sai quanto sei forte finché la vita non ti mette alla prova. Adesso che i tempi sono difficili dà importanza a quello che hai. Sorridi e goditi la vita che è meravigliosa".

Questo è il messaggio che la Fondazione ha voluto trasmettere forte e chiaro in questa occasione. E lo ha fatto uscendo per le strade di Barcelona, attraverso tre persone di età differenti, che apparentemente non hanno niente in comune, ma condividono una storia. Sono Virginia,Yolanda e Víctor, di 32, 24 e 57 anni. Circa due anni e mezzo fa, i tre lottavano contro una malattia del sangue: la leucemia, nel caso di Virginia, o un linfoma, nel caso di Yolanda e Víctor.

12/02/2012

"Il Video della Settimana": Josep Carreras sings Ingemisco from Requiem Mass by Verdi

Rieccoci per un nuovo momento dedicato a il Video della Settimana.
Dopo il duetto de Un Ballo in Maschera della settimana scorsa, quest'oggi intendo riproporvi un altro momento squisitamente verdiano, dai colori un po' diversi. La scelta nasce da uno dei contenuti che caratterizzano il libro di memorie di Josep Carreras, A viva voz / De viva veu, uscito nelle librerie all'inizio dello scorso ottobre, e che sto rileggendo nella traduzione catalana: nel libro, Màrius Carol e Josep Carreras delineano in modo molto definito il rapporto che quest'ultimo intratteneva con quella che sicuramente costituisce una delle icone più rappresentative della direzione d'orchestra, Herbert von Karajan

Non intendo riportare qui le parole e le frasi più significative: sarebbe preferibile che le leggeste personalmente, perché l'effetto è ben diverso. Le parole, quindi, non spettano a me. Posso solo raccontarvi il modo in cui io ho riscontrato l'intesa indescrivibile, l'affetto, la stima ed il rispetto reciproci tra Carreras e Karajan. La prima volta che, nel prenderne atto, sono rimasta realmente impressionata stavo proprio guardando e ascoltando il Requiem di Verdi, nella sua videoregistrazione del 1984, presso il Musikverein di Vienna. Lo schieramento, oltre a Josep Carreras, prevedeva Anna Tomowa - Sintow, Agnes Baltsa, José Van Dam, il Coro della Wiener Staatsoper e la Wiener Philarmoniker.

Ho amato il Requiem di Verdi fin dal primo ascolto, e non credo di rivelare niente di straordinario. Vi propongo qui uno dei due momenti che prediligo, e che naturalmente vede come unico protagonista il tenore: l'Ingemisco. Sarà anche scontata e banale come scelta... ma è stato proprio qui che, all'epoca, ero stata rapita dal magnetismo, dalla chimica che si crea tra voce e direttore, dall'espressione eloquente e dai movimenti di Karajan e dalla meravigliosa performance di Josep Carreras. In quell'occasione, e vi parlo ormai di un po' di anni fa, mi aveva impressionata. Ma non vi nascondo che, nel caso specifico, ogni volta è come la prima. Godetevelo!!


05/02/2012

"Il Video della Settimana": Josep Carreras and Katia Ricciarelli sing "Ah! Perché qui! Fuggite" from Un Ballo in Maschera

Una domenica in più in compagnia del Video della Settimana.

*Key facts: for a short summary in english, please go at the end of this post.

Questa settimana torna l'opera allo stato puro in questo spazio domenicale, un'opera verdiana tra le mie preferite. Nel leggerne il titolo sarà evidente l'evento che mi ha suggerito questa scelta, probabilmente azzeccata anche per quanto riguarda gli interpreti in questione; nel caso non sia così è sufficiente dare un'occhiata al post precedente. 
Vedremo e ascolteremo Josep Carreras insieme a Katia Ricciarelli nel duo dell'atto terzo de Un Ballo in Maschera "Ah! Perché qui! Fuggite", una versione parigina risalente al 1981.

Penso sia superfluo motivare la mia predilezione per Un Ballo in Maschera tra le opere verdiane. Una scelta, per altro, molto combattuta e che prescinde dal profondo legame che Josep ha con questa opera. È ricca di momenti sublimi, equamente distribuiti in tutta la sua durata, e Riccardo è uno tra i miei personaggi preferiti in tutto il panorama operistico, perché non perde di vista la saggezza pur essendo irrimediabilmente innamorato. Un ruolo che calza a pennello a Josep Carreras è che risalta le sue eccezionali doti interpretative. Forse è anche perché Josep riesce a dare vita a Riccardo in questo modo così divino che mi fa inevitabilmente innamorare di questo personaggio verdiano.

Ma è inutile perdersi in chiacchiere: meglio abbandonarsi all'ascolto. Godetevelo!!


04/02/2012

Josep Carreras riceverà il Cavalchina Award 2012 presso La Fenice di Venezia

Sabato 18 Febbraio, Josep Carreras sarà uno degli ospiti illustri del Gran Ballo della Cavalchina presso il Teatro La Fenice di Venezia, forse l'evento più prestigioso del tradizionale Carnevale veneziano: per l'occasione riceverà il Cavalchina Award 2012 insieme ad altri artisti, tra cui la collega Katia Ricciarelli. È inoltre prevista un'esibizione in duetto.

(* key facts): For a short summary in english, please go at the end of the post.



Photo by: Teatro La Fenice

01/02/2012

Josep Carreras brought a "night of romance" with his debut at the ROHM in Oman

Josep Carreras ha debuttato questo lunedì, 30 Gennaio, presso il più giovane teatro d'opera al mondo, la Royal Opera House Muscat, nell'omonima città, capitale dell'Oman. Come ha dichiarato nella conferenza stampa, il tenore ha accolto con entusiasmo l'invito a cantarvici, spinto dal desiderio di visitare un paese che non aveva mai visto, e di cantare nella giovanissima ROHM, di cui aveva sentito solo eccellenti opinioni. Durante la visita è infatti rimasto molto impressionato.

Inizialmente era prevista una sola data, quella di stasera, ma visto l'immediato sold-out e l'insistenza di chi era rimasto senza biglietto per la performance, si decise di aggiungere un secondo concerto, quello di cui vi parlerò in questo post.

Josep Carreras ha così debuttato ufficialmente alla Royal Opera House di Muscat, affiancato dal soprano Ofelia Sala e da David Giménez, impegnato a dirigere la Moscow City Symphony Orchestra, Russian Philarmonic.

*Key facts: for a short summary in English (the press material is already in English), please go at the end of the post.

PRESS

L'entusiasmo che dilagava su twitter da parte di chi avrebbe assistito a questo concerto non era che il preludio di quella che sarebbe stata sicuramente una serata memorabile.