28/10/2012

"Il Video della Settimana": Josep Carreras and Montserrat Caballé sing "Già nella notte densa" from Verdi's Otello (Liceu, 1987)

Benvenuti per un nuovo Video della Settimana.

Anticipo subito che vorrei dedicare questa edizione in modo particolare a Montserrat Caballé, ricoverata qualche giorno fa all'Hospital Sant Pau di Barcellona per un lieve ictus. Tutti noi siamo profondamente affezionati a Montserrat Caballé, non solo per quanto abbia significato relativamente alla traiettoria professionale del nostro tenore, ma in primis perché il suo nome è da identificarsi con quello di uno dei più grandi soprano di sempre: nel mio cuore, è insuperabile. 

Con questo destinatario d'eccezione, la mia mente ha subito rievocato il ricordo del suo Concerto in Omaggio celebratosi lo scorso 3 di gennaio al Gran Teatre del Liceu, con motivo del 50esimo anniversario del suo debutto. A questa grande festa hanno partecipato tanti amici e colleghi: indelebile l'immagine dell'abbraccio scambiatosi con Josep Carreras, giunto sul palco per festeggiarla con un'emozionante versione di T'Estimo. Un dolcissimo ricordo, ma forse ancora troppo fresco per essere riproposto quest'oggi.


23/10/2012

Josep Carreras a "El Convidat" (segona part): "com és Josep Carreras quan s’apaguen les llums dels escenaris i s’acaben els aplaudiments"

Segue dal precedente post.

Durante il pranzo presso un ristorante italiano, Josep Carreras mostra al Convidat un paio di foto che ritraggono i suoi nipotini e che porta sempre con sé: i figli di Júlia, Miquel e Adrià, e le figlie di Albert, Maria e Júlia, delle quali mostra anche un biglietto di auguri preparato da loro per il suo precedente compleanno: possiamo intravedere un nonno molto orgoglioso che da molto valore al gesto, e che commenta la scritta e il disegno all'interno che, suppone, possa rappresentare la visione che hanno di lui nell'immaginario. Carreras non ha difficoltà ad ammettere che non ha mai cambiato un pannolino, sicuro del fatto che quasi nessuno della sua generazione l'abbia fatto, perché all'epoca vigeva una visione diversa, almeno in Catalogna.


Albert Om ha l'impressione che Júlia e Albert lo coccolino molto, portandolo a palmo di mano: secondo Albert Carreras, lo proteggono più che coccolarlo, e Júlia spiega che, potendo il loro padre stare poco a casa, cercano di trascorrere questo tempo il meglio possibile, con qualche premuta come preparargli i suoi piatti preferiti quando viene a pranzo, facendo il possibile affinché si trovi a suo agio. Josep Carreras durante gli anni 70 e 80, data l'attività frenetica cui doveva sottostare, talvolta era costretto a stare lunghi periodi di tempo lontano dai suoi figli: qualche volta anche due mesi, prima di poterseli godere un paio di giorni e poi allontanarsi per altri due mesi.

Josep Carreras a "El Convidat" (primera part): "com és Josep Carreras quan s’apaguen les llums dels escenaris i s’acaben els aplaudiments"

Il capitolo de "El Convidat" con Josep Carreras è stato trasmesso, come annunciato, ieri sera su TV3 (Televisió de Catalunya), riscuotendo un grandissimo successo, come si è potuto leggere sia su facebook, sia su twitter nel quale il nome di Josep Carreras era diventato addirittura trending topic. Commenti entusiastici e intrisi di stima e ammirazione si sono moltiplicati a livello esponenziale, ma l'aspetto più interessante è che non riguardavano tanto Carreras come artista ma soprattutto Carreras come essere umano: un uomo molto affabile, cordiale e riservato, che senza rinunciare all'educazione e all'eleganza nei modi non può fare a meno di essere sincero e onesto. 



A differenza di altri personaggi cui è stato dedicato un capitolo del programma, Josep Carreras non ha invitato Albert Om a casa sua, bensì in un hotel di Zurigo dove si trovava ai primi di luglio per poter offrire un recital benefico per la lotta contro la leucemia presso l'Opernhaus Zürich.

22/10/2012

Josep Carreras en una entrevista feta per Eva Piquer "Políticament, l’artista té l’obligació de ser sincer i honest amb si mateix"

La scrittrice Eva Piquer ha pubblicato nel suo blog un'intervista interessantissima che ha rivolto a Josep Carreras nei giorni scorsi: si tratta di una conversazione piuttosto lunga e cha ha toccato una grande varietà di temi dalla politica alla musica o addirittura la religione. Disponiamo del testo originale in catalano e della versione in lingua inglese, pubblicata nel numero 13 della rivista Catalan International Views. Per questo motivo, per questa volta non fornirò i Key facts.

evapiquer.cat/ (català)
international-view.cat/ (english) (Because of this complete translation, no key facts in English available for this post)

Il tema di apertura è, appunto, quello della crisi, una crisi cui Josep Carreras non guarda con molto ottimismo a causa della imperfetta gestione dello stato spagnolo, come a livello internazionale si sta riscontrando; tuttavia non perde mai la speranza: a tal proposito, la sua ottica è identica a quella di qualsiasi altro comune cittadino. Ad ogni modo, la sua indole catalana gli permette di avere fiducia nell'uomo e nelle sue possibilità di raggiungere obiettivi: a livello nazionale, sarebbe bene che non si mettessero bastoni tra le ruote alla Catalogna, poiché questi ostacolano il suo naturale progresso. Josep Carreras non ha problemi a dichiararsi indipendentista o, per meglio dire, un indipendentista da sempre, in quanto questa è un'eredità trasmessagli dalla famiglia: se in passato l'idea di una "Catalunya lliure" era utopica, oggi giorno può considerarsi realizzabile forse non in un futuro immediato, ma probabilmente i suoi nipoti riusciranno a vederla.
Fuori dal paese, Carreras si è sempre presentato come catalano, come indica la senyera nel taschino della giacca del frac: ormai il mondo sa cos'è la Catalogna, e anche le persone più semplici, quelle con cui Josep Carreras preferisce avere dialogo per comprendere la mentalità del paese che visita, ne sono assai consapevoli.

21/10/2012

"Il Video della Settimana": Josep Carreras i Núria Feliu canten junts "Be my love" (El teu amor)

Benvenuti per un nuovo Video della Settimana.

Vorrei cogliere quest'occasione per informarvi o ricordare a voi tutti che Josep Carreras sarà protagonista della prossima puntata del programma "El convidat" (l'invitato), trasmesso da TV3, canale della Televisione Catalana (Televisió de Catalunya) e presentato da Albert Om. Verrà trasmesso domani sera alle ore 22:30 (ora locale): verrà trasmesso in diretta anche online a questo indirizzo.
Vorrei descrivervi brevemente di che tipo di programma si tratta: Albert Om, il presentatore, trascorre un weekend in compagnia di illustri personalità catalane, diventando così "el convidat": che venga ospitato a casa di queste o altrove, Om condivide con loro le stesse attività, ed attraverso conversazioni molto interessanti ci mostra questi personaggi da una prospettiva più intima ed umana, anzi... ci fa vedere le persone che stanno dietro al personaggio.
Domani avremo il piacere di vedere Josep Carreras sotto una luce diversa da quella del palcoscenico, ed io come voi non vedo l'ora.

Chi mi conosce sa quanto la Catalogna sia nel mio cuore e che questo vada anche al di là del mio essere fan di Josep Carreras: questo è il motivo per cui seguo con certa assiduità TV3, e tra i tanti programmi che seguo non mi perdo mai una puntata de El convidat.

14/10/2012

"Il Video della Settimana": The Three Tenors sing "New York, New York" plus Josep Carreras' performance at the Vienna Opernball 2008

Benvenuti per un nuovo Video della Settimana.

Questa è un'altra di quelle edizioni che presentano non uno ma due video in quanto le ricorrenze (questa volta le ho trovate!) sono più di una: a dire il vero sarebbero anche più di due, ma cercherò di privilegiare le seguenti per offrire un repertorio di video più vario.
Una data che non possiamo dimenticare è quella del 12 Ottobre, giorno del compleanno del nostro amato Luciano Pavarotti: il grande tenore di Modena avrebbe compiuto 77 anni. Ci sarebbero tantissimi modi per ricordarlo: alcuni di questi li ho proposti due giorni fa su facebook, con qualche fotografia significativa ed evocatrice di ricordi che ci sono cari, o con l'immancabile tributo che gli hanno rivolto Josep e Plácido Domingo un anno dopo la sua scomparsa nel concerto organizzato a Petra, (video). Questa loro performance suscita sempre emozioni molto forti per la loro introduzione commossa, per come le loro voci si intrecciano, ancora una volta, per rendere omaggio all'amico che non c'è più, per come al termine del brano Josep rivolga il suo sguardo verso l'alto a cercare Luciano. Non importa quante volte si riguardi questo video: l'emozione è sempre viva e porta nel cuore tanta nostalgia.

Luciano Pavarotti però era un brillante, e questo suo tratto era tangibile in un altro brano che ho condiviso su facebook. Certo, in molti potrebbero storcere il naso se non si ricorda Pavarotti con uno qualsiasi dei grandi momenti operistici che ci ha regalato. Sono però abbastanza onesta da ammettere che non conosco la sua carriera quanto quella di Carreras, e che il mio intento principale era ricordare qualcosa in più oltre al grande tenore.

09/10/2012

Josep Carreras gave Guimarães a night to remember

Lo scorso sabato, 6 Ottobre, Josep Carreras ha fatto ritorno nella scena portoghese per la seconda volta quest'anno per esibirsi nel Pavelhão Multiusos di Guimarães, Città Europea della Cultura 2012. A condividere il palco con lui il soprano Dora Rodrigues, la cantante Sofia Escobar special guest dell'evento, la Fundação Orquestra Estúdio diretta dal Maestro David Giménez, e un coro di 58 voci giapponesi dai 12 ai 30 anni, composto da alcune delle vittime dello Tsunami che ha colpito il Giappone nel 2011. Il Pavelhão era gremito e il pubblico aveva grandi aspettative per una serata in cui l'artista di casa, Sofia Escobar, avrebbe duettato con un'icona mondiale della lirica come Carreras.


Dopo la consueta apertura orchestrale con la Farandole de l'Arlesiénne Suite di Bizet, Josep Carreras è stato accolto in maniera estremamente calorosa dal pubblico portoghese che ha saputo creare un'atmosfera molto gradevole che ha messo il tenore a proprio agio: ha iniziato con due brani della tradizione napoletana come Marechiare e Pecché, applauditissime, per poi cedere il passo al soprano portoghese, Dora Rodrigues, esibitasi inizialmente con Les filles de Cadix di Delibes, e più in là con un frammento di un'operetta di Franz Lehar "Meine Lippen, sie küssen so heiß". Prima di quest'ultimo, Josep Carreras aveva regalato una squisita Rosó (Pel teu amor), ed anche il coro ha avuto la prima occasione della serata con la tradizionale giapponese Furusato.

07/10/2012

"Il Video della Settimana": Josep Carreras and Ileana Cotrubas sing the duet of the first act of L'Elisir d'amore

Benvenuti per un nuovo Video della Settimana.

Questa settimana ha visto la successione di due eventi importante come la premiazione di Josep con la Medaglia e la Placca Josep Trueta 2012 da parte della Generalitat de Catalunya, e il concerto di ieri sera presso il Pavelhão Multiusos di Guimarães, Capitale Europea della Cultura 2012, sul quale sto già mettendo da parte un po' di materiale, nell'attesa di maggiori informazioni.
La scelta di quest'oggi mi ha messo in crisi: l'unica certezza è che volevo qualcosa di Opera, perché è un po' di tempo che manca: sono consapevole di aver insistito molto con il recital nell'ultimo periodo, per questo motivo volevo riportare qualche momento operistico di grande splendore. Non sono però riuscita a trovare coincidenze di nessun tipo come anniversari o di altro genere, e soprattutto non volevo ripetermi con altro che ho già proposto in passato. Ma quando si tratta di qualcosa di speciale, penso che possa essere celebrato al di fuori di ogni ricorrenza. Credo che questo sia un caso di questo tipo, e spero che sia così anche per voi.
È stato così che mi sono imbattuta in un frammento operistico che ho sempre amato in modo particolare e che mi è sempre parso significativo anche al di là del contesto relativo alla trama dell'opera di cui fa parte. Come vi sarete resi già conto, oggi si parla di Gaetano Donizetti e de L'Elisir d'amore: si tratta di una funzione del 1982 presentata all'Opera di Vienna, la Wiener Staatsoper, e che vanta interpreti del calibro di Josep Carreras come Nemorino e Ileana Cotrubas come Adina. Questo è il duetto del primo atto: "Chiedi all'aura lusinghiera".

03/10/2012

Josep Carreras guardonat amb la Medalla Josep Trueta 2012 al mèrit sanitari

Ieri sera alle 19 presso il Palau de la Generalitat, sede del Governo Catalano, a Barcellona si è svolta la Cerimonia di consegna delle Medaglie e Placche intitolate all'illustre medico e scienziato catalano, Josep Trueta, che ogni anno dal 1997 la Generalitat de Catalunya conferisce a personaggi ed entità che si sono distinti in maniera significativa per meriti in favore del progresso e del miglioramento della sanità.

www.fcarreras.org/ (català)
www.fcarreras.org/ (castellano)
www.fcarreras.org/ (english)

Tra i premiati di quest'anno Josep Carreras: la Generalitat ha voluto così riconoscere e premiare il suo operato in qualità di Presidente della sua Fondazione, la Fundació Josep Carreras contra la leucemia, che da 25 anni si dedica alla ricerca scientifica e a offrire migliori qualità di vita ai pazienti di leucemie e altre malattie del sangue. In particolare, la sua Fondazione ha investito oltre 100 milioni di euro in progetti di ricerca, ha finanziato infrastrutture sanitarie in vari ospedali e centri internazionali, gestisce il Registro dei Donatori di Midollo Osseo (REDMO) e fornisce  servizi sociali per i pazienti e le famiglie.