26/05/2014

Josep Carreras reaffirms his special bond with Poland with a successful performance in Łańcut

Josep Carreras ha inaugurato il Cinquantatreesimo Festival Musicale di Łańcut, in Polonia, la sera di sabato 24 maggio, presso il parco del castello della città. È stato accompagnato dal soprano ucraino Nataliya Kovalova, e l'Orchestra Filarmonica dei Carpazi diretta dal Maestro David Giménez.

Il giorno prima è stata tenuta la conferenza stampa di presentazione dell'evento. Al momento non sono disponibili molti dettagli, ad eccezione di un nutrito materiale fotografico, sia della conferenza stampa, sia del concerto. È emerso che il pubblico effettivo sarebbe stato il triplo del numero normalmente previsto per gli eventi del festival. Hanno preso parte all'evento, infatti, circa 3.300 persone.

Photo by Patrick Ogorzałek

13/05/2014

Josep Carreras, reconocido como Visitante Distinguido de Puebla, brinda al público mexicano un concierto inolvidable

La serie di riconoscimenti sembra interminabile: dopo la medaglia d'oro del Cercle del Liceu, da casa, Josep Carreras ha raggiunto la città di Puebla, in Messico, dove ha offerto uno straordinario concerto gratuito, parte del Festival Internacional 5 de Mayo, lo scorso sabato 10 maggio, presso l'Auditorio Siglo XXI
Subito dopo la conferenza stampa di presentazione dell'evento, il tenore è stato insignito con il riconoscimento di "Visitante Distinguido", ricevendo in dono anche la Clavis Palafoxiana dal governo statale per la prolifica carriera. Profondamente sorpreso per la calorosa accoglienza, ha dichiarato che avrà sempre un ricordo speciale della città.

 Josep Carreras è stato accompagnato dal soprano messicano Leticia de Altamarano e dal Maestro Miquel Ortega, alla guida della Filarmonica 5 de Mayo.

11/05/2014

Josep Carreras honored with the Gold Medal of the Cercle del Liceu

Dopo aver ricevuto la Medalla d'or del Liceu nel 2009, Josep Carreras è stato onorato con la Medalla d'or del Cercle del Liceu, entità di cui è membro dal 1982, per la carriera ed il suo vincolo con il teatro. La cerimonia si è tenuta mercoledì sera, 6 maggio, prima presso il Cercle alle 21:30 con una cena presso il Saló dels Miralls del Gran Teatre del Liceu, durante la quale ha avuto luogo la consegna.
Hanno presenziato all'evento il Presidente della Generalitat de Catalunya, Artur Mas, il sindaco di Barcellona, Xavier Trias, la delegata del governo in Catalogna, María de los Llanos de Luna, il presidente del Cercle del Liceu, Ignacio García-Nieto, il  consigliere culturale della Generalitat, Ferran Mascarell, il presidente del Patronato del Gran Teatre del Liceu, Joaquim Molins e più di 100 invitati, tra cui il critico musicale Roger Alier, il giornalista Màrius Carol, e alcuni membri della famiglia Carreras, come i figli del tenore, Júlia e Albert Carreras, e il direttore d'orchestra David Giménez.

VIDEO
newscaster.ikuna.com
www.8tv.cat (2:22)
YouTube

Photo: Antoni Bofill

07/05/2014

"El Juez", the triumph of an immense Josep Carreras on his comeback to staged opera in Bilbao

It seemed like a pipe dream. Suddenly the wonderful news about a year ago. Then ticket sales, the first details, the poster, and that first, wonderful pic of the first rehearsal in the beautiful foyer of the Teatro Arriaga, perhaps the first tangible proof, with such happiness and enthusiastic expression on his face. The dream was being realized.
We experienced this last month with great trepidation, constantly following the evolution of musical and stage rehearsals, through pictures and short videos shared by the staff of Teatro Arriaga and the cast members active on social networks. And so the dream has become reality.
After a 8 year-stop, Josep Carreras made his triumphal comeback to the opera srafe with a new work composed specifically for the occasion, for the joy of those who attended and those who would have loved too.
Josep Carreras ovationed over 20 minutes with his collegues.
Foto: Ítaca (facebook)
The atmosphere outside the Arriaga, a theatre specially chosen by Carreras for the seriousness and rigor in work, was swollen with excitement and expectations. The square was crowded with people from all parts of the world, specifically from 18 countries. We could hear talking in Spanish, English, Italian, German, Catalan, Japanese ... a multitude of languages ​​at the service of a more universal idiom: music and the unbounded admiration for an artist who has marked many of the most beautiful and exciting pages of the history of opera, since the seventies of the last century.

06/05/2014

"El Juez", el triunfo de un inmenso Josep Carreras en su vuelta a la ópera escenificada en Bilbao

Sembrava un sogno difficilmente realizzabile. D'un tratto la grande notizia circa un anno fa. Poi le vendite dei biglietti, i primi dettagli, la locandina, e quella prima, meravigliosa fotografia del primo giorno di prove nel bellissimo foyer del Teatro Arriaga: forse la prima testimonianza tangibile, con quell'espressione felice ed entusiasta dipinta sul volto del nostro tenore. Il sogno era in fase di realizzazione.
Abbiamo vissuto quest'ultimo mese con grande trepidazione, seguendo costantemente l'evoluzione delle prove musicali, di quelle sul palco attraverso le immagini e i brevi video divulgati dallo staff dell'Arriaga e dagli interpreti più attivi sui social network. E così il sogno è divenuto realtà.
Dopo 8 anni, Josep Carreras è tornato a trionfare sul palco operistico con una nuova opera composta per l'occasione, per la gioia di chi era presente e di chi avrebbe tanto desiderato esserlo.
Josep Carreras ovationed over 20 minutes with his collegues.
Foto: Ítaca (facebook)
L'atmosfera fuori dal Teatro Arriaga, scelto appositamente da Carreras per la serietà ed il rigore nel lavoro, era gonfia di entusiasmo ed aspettative. La piazza era gremita di persone provenienti da tutte le parti del mondo, nello specifico da 18 paesi. Si sentiva parlare castigliano, inglese, italiano, tedesco, catalano, giapponese... una moltitudine di idiomi al servizio di uno ancora più universale: la musica e l'ammirazione sconfinata per un artista che ha marchiato molte delle pagine più belle ed emozionanti della storia dell'opera lirica a partire dagli anni settanta del secolo scorso.